Articoli

Fatturazione Elettronica PA obbligatoria dal 31 Marzo 2015

Il 31 marzo 2015 è il termine ultimo per mettersi in regola con la nuova normativa relativa alla fatturazione elettronica.

Da tale data tutte le amministrazioni pubbliche accetteranno solo fatture emesse in formato elettronico dalle aziende fornitrici.

La fatturazione elettronica non è solo un obbligo ma un’opportunità per risparmiare (fino all’80% sul processo di fatturazione) e rendere più efficienti le aziende e per permettere ai commercialisti e le associazioni di categoria di offrire un servizio ai propri clienti. Grazie al software Zucchetti viene automatizzato tutto il processo di fatturazione, dalla creazione alla sua conservazione digitale.

Affidarsi a un partner tecnologico con esperienza è fondamentale per non avere pensieri: sono già migliaia le aziende e i professionisti che si sono già affidati a Zucchetti.

FATTURAZIONE ELETTRONICA IN POCHI PASSI

Fatturazione Elettronica PA ti semplifica la vita. Puoi gestire in maniera rapida e semplice tutto il flusso di fatturazione previsto dalla normativa:
  • carichi automaticamente una fattura elettronica (nel formato specifico previsto dalla normativa);
  • trasmetti e gestisci le fatture con le relative ricevute di ritorno;
  • conservi a norma di legge i documenti

DA OBBLIGO A OPPORTUNITA’

La normativa introduce una grande opportunità per risparmiare e recuperare efficienza:
  • elimini il costo per carta, buste e bolli;
  • non perdi più tempo ad archiviare e impieghi meno tempo nelle successive ricerche;
  • eviti ritardi e/o disguidi dovuti all’inoltro cartaceo delle fatture;
  • le diverse aree aziendali possono avere accesso alle fatture di acquisto e di vendita;
  • sei conforme alla normativa sulla fatturazione verso la Pubblica Amministrazione;
  • riduci i contenziosi per la riscossione dei crediti da parte dei fornitori;
  • hai pronta risposta e trasparenza sui controlli fiscali

FATTURAZIONE ELETTRONICA PA

  • ti supporta attivamente con notifiche e informazioni dettagliate;
  • si interfaccia con i gestionali Zucchetti e di terze parti;
  • permette di conservare le fatture a norma di legge grazie all’integrazione nativa con la soluzione SOStitutiva Infinity Zucchetti;
  • è disponibile anche come servizio pay-per-use o Saas per le aziende che devono gestire un numero limitato di fatture.

Tutti i dettagli sul sito www.zucchetti.it

Soluzione Zucchetti per la Fatturazione Elettronica PA

Grazie al software Zucchetti Fatturazione Elettronica PA puoi emettere fatture in formato digitale verso la pubblica amministrazione, come previsto dagli obblighi normativi vigenti. La prima scadenza per mettersi in regola con la nuova procedura e essere pagati da Ministeri, Agenzie fiscali ed Enti nazionali di previdenza e assistenza sociale è il 6 giugno 2014.

Per le altre PA (art.6 c.3) il termine per l’adeguamento è il 31 marzo 2015

Fatturazione Elettronica PA Zucchetti permette di:

  • caricare automaticamente una fattura elettronica (nel suo formato previsto XML)
  • trasmettere e gestire le fatture con le relative ricevute di ritorno
  • conservare a norma di legge i documenti.
Integrabile con tutti i software gestionali Zucchetti o di terze parti.

L’adozione di Fatturazione Elettronica Pa permette di tagliare i costi di trattamento delle fatture cartacee: ad esempio risparmiando tra i 10 e i 50€ a fattura, ovvero l’equivalente del costo stimato per le imprese europee.*

Ma i vantaggi sono molti e sotto vari punti di vista: economici, logistici e di efficienza.

  • Eliminato il costo per carta, buste e bolli.
  • Eliminato il tempo destinato all’archiviazione e ottimizzato il tempo delle successive ricerche.
  • Eliminato ogni ritardo e/o disguido dovuto all’inoltro cartaceo delle fatture.
  • Accesso on-line da parte di tutte le diverse aree aziendali alle fatture di acquisto e di vendita.
  • Conformità nei confronti della Pubblica Amministrazione.
  • Pronta risposta e trasparenza su controlli fiscali.

Tutti i dettagli sul sito www.zucchetti.it

Fatturazione elettronica: il 6 giugno 2014 scatta l’obbligo verso la PA

Entro il termine prestabilito aziende e professionisti dovranno necessariamente dotarsi di applicazioni software in grado di generare e trasmettere in formato elettronico le fatture verso la pubblica amministrazione

Il Decreto Ministeriale n. 55 che introduce l’obbligo di emissione, trasmissione, ricezione e pagamento solamente di fatture elettroniche entrerà in vigore:

  • il 6 Giugno 2014 per le fatture emesse nei confronti della pubblica amministrazione centrale: Ministeri, Agenzie fiscali ed Enti nazionali di previdenza e assistenza sociale;
  • il 6 Giugno 2015: per le fatture emesse nei confronti di tutta la pubblica amministrazione.

La fattura elettronica, denominata FatturaPA, dovrà essere prodotta in formato digitale con specifiche modalità e inviata alla pubblica amministrazione tramite il “Sistema di Interscambio” (SDI).
Le soluzioni gestionali per aziende e quelle contabili-fiscali per professionisti e associazioni di categoria targate Zucchetti non solo sono già pronte per la generazione di fatture elettroniche ma sono anche nativamente integrate con soluzioni di gestione documentale e conservazione sostitutiva per completare tutto il ciclo di dematerializzazione dei documenti all’interno delle aziende.

In questo caso l’obbligo normativo non deve essere vissuto come un costo per imprese e professionisti, ma come una grande opportunità per recuperare efficienza, essenzialmente per tre motivi: il primo è il risparmio dei costi legati al consumo di carta e all’archiviazione di documenti cartacei; il secondo è l’ottimizzazione del lavoro perché la digitalizzazione rende più facile e veloce la comunicazione delle informazioni all’interno e all’esterno dell’azienda o dello studio professionale; terzo, ma non meno importante, il fatto che la fatturazione elettronica certificherà in modo inequivocabile la fornitura di un prodotto o l’erogazione di un servizio a un ente pubblico, in un’ottica di trasparenza, monitoraggio e rendicontazione della spesa pubblica e, ovviamente, riducendo i contenziosi per la riscossione dei crediti da parte dei fornitori della PA.

Inoltre professionisti e associazioni di categoria si stanno organizzando per offrire alle aziende proprie clienti un servizio di fatturazione elettronica “in conto terzi”, che renderà ancor più agevole e accessibile l’adempimento della normativa anche da parte di piccole e micro imprese che potrebbero avere maggiori difficoltà a cambiare velocemente i propri processi interni per assolvere al nuovo obbligo di generazione e trasmissione delle fatture in formato elettronico.

Fonte: Zucchetti.it